I laboratori

Con un’esperienza ventennale maturata nella scuola primaria e secondaria di primo grado, dal 2006 Ser Tea Zeit ha iniziato a collaborare con le scuole superiori elaborando percorsi tematici condivisi a tema sociale e civile (immigrazione, inclusione, integrazione, intercultura, diversità come patrimonio). I progetti si sono evoluti a partire dal 2010 con la creazione della rete "Il futuro è la Memoria" che è stata sostenuta da prestigiosi enti e fondazioni e che si è posta l’ambizioso obiettivo di lavorare sulla conoscenza atta a prevenire gli odi razziali e i genocidi, partendo dalle figure positive dei Giusti. Il Consolato della Repubblica d’Armenia a Milano e il Consolato Italiano in Armenia a Gyumrí sono stati in prima fila i sostenitori del progetto che si è allargato velocemente grazie alla collaborazione instauratasi con il Giardino dei Giusti di Milano (GARIWO).

I laboratori teatrali della durata minima di 40 ore (20 interventi di 2 ore ciascuno) sono divenuti progetto integrato nel Programma di Offerta Formativa di molti licei della Lombardia e finanziati quali vincitori dei Bandi LAIV di Fondazione Cariplo che si sono succeduti nel tempo e grazie al Fondo di Beneficenza di Intesa Sanpaolo.

Attività durante il laboratorio teatrale

La rete "Il futuro è la Memoria" (che dal 2014 è stata rinominata "L’arte delle Memorie") ha prodotto a partire dal 2013 il MEMOFEST - Festival delle Buone Memorie che nel 2017 giungerà alla quinta edizione, sempre con un crescente successo di gruppi partecipanti e di pubblico: dalle 3 serate con 10 gruppi scolastici teatrali del 2013 si è passati nel 2016 a 10 serate con 21 gruppi partecipanti (di cui 3 a livello universitario) e oltre 5000 presenze di pubblico sostenitore, con il patrocinio dei Comuni di Milano, Pavia e Lodi.

Saggio finale degli allievi di alcuni laboratori

Un progetto che nel tempo si è aperto a sempre nuove e stimolanti collaborazioni, nel segno di alcuni scrittori e autori teatrali quali Vaclav Havel e Boris Pahor. Uno studio particolare è stato avviato grazie a una cooperazione internazionale avviata con l’Università di Addis Abeba (progetto BRIDGE). Nel corso degli anni hanno aderito al progetto e ne sono stati sostenitori: Vaclav Havel Library Praha, Centro Ceco Milano, Fondazione Vize 97 - Havel Praha, Consolato Onorario della Repubblica Slovena di Milano, Centro Italiano per lo Studio della Cultura Africana e Mediterranea di Milano, Centro Alik Cavaliere.

Contenuti, obiettivi e strategie del laboratorio:

Il gioco del teatro

Laboratori performativi dal vivo per bambini a partire dai 6 anni

Emozioni e creatività in gioco per scoprire insieme le regole del teatro e vivere il palcoscenico come un momento di festa e di benessere. Storie magiche raccontate dai nostri animatori vengono smontate e rimontate con la partecipazione dei ragazzi.

Ben-essere

Laboratorio teatrale dedicato ai ragazzi delle scuole superiori

Un approccio ludico al palcoscenico attraverso l’improvvisazione teatrale per approdare al lavoro sul testo, elaborato con la particolare attenzione alla socializzazione, all’espressione corporea e al taglio psicologico del personaggio.

Ogni laboratorio si conclude con un saggio finale a cui verrà data l’opportunità di partecipare a importanti festival e rassegne teatrali.

Una particolare attenzione viene rivolta ai ragazzi diversamente abili, ai soggetti a rischio, e ai percorsi di inclusione di giovani provenienti da vissuti lontani. Progetti ad hoc vengono stilati alla luce di una lunga esperienza pedagogica nel settore sociale.